5 iniziative per combattere le ecomafie

Umberto Zimarri

Dal rapporto Ecomafia 2018 emerge un dato estremamente preoccupante: mai nella Storia italiana sono stati effettuati tanti arresti per crimini contro l’ambiente come nel 2017, mai tante inchieste sui traffici illeciti di rifiuti.
Per dare un’idea partiamo da un dato: mediamente ogni giorno in Italia si verificano 84 illeciti al giorno.
Il settore dei rifiuti è quello dove si concentra la percentuale più alta di illeciti, che sfiorano il 24% mentre il giro di affari delle ecomafie si aggira sui 14 miliardi di euro. Il Lazio si posiziona in quinta posizione per numero di illeciti commessi, prima delle regioni considerate a tradizionale presenza mafiose.

Quali proposte per contrastare il fenomeno dei “ladri di futuro”? Come Candidato alle Europee concordo e rilancio quelle lanciate da Legambiente nel report Ecomafie 2018. Ovvero:

1) Istituzione di una commissione d’inchiesta Parlamentare sul ciclo dei rifiuti e di una commissione d’inchiesta per l’uccisione di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin.
2) Approvazione in tempi rapidi di una legge che semplifichi l’iter di abbattimento delle costruzioni abusive e di un disegno di legge sui delitti contro fauna e flora protette
3) Formazione specifica ed avanzata a tutti gli operatori del settore sulla legge 68/2015
4) Facilitare l’accesso alla giustizia ,abbattendo i costi,per le associazioni ambientaliste. La Giustizia non può essere un lusso.
5) Maggiore tutela dei marchi nel settore agroalimentare riprendendo la proposta di disegno di legge del 2015 sulla tutela dei prodotti alimentari della Commissione ministeriale presieduta dall’ex procuratore Gian Carlo Caselli, che introduce una serie di nuovi reati che vanno dal “disastro sanitario” all’“omesso ritiro di sostanze alimentari pericolose” dal mercato.

Elezioni Europee, Umberto Zimarri apre la campagna elettorale

Entra nel vivo la Campagna Elettorale per le Europee 2019, domenica 28 Aprile alle 18:30, in Piazza Falcone e Borsellino, il candidato per Europa Verde, Umberto Zimarri, presenterà la sua candidatura alla cittadinanza.

“La mia candidatura nasce sul territorio, spiega Zimarri, per questo era doveroso partire proprio da San Giovanni Incarico: il mio paese, il luogo dove ho iniziato ad appassionarmi alla politica ed alle lotte ambientali e dove sono Consigliere Comunale. Queste elezioni dimostrano ancora una volta come i grandi partiti ci considerano: una provincia di serie B, una provincia dell’impero succube delle decisioni politiche prese a Roma. Sono fiero ed orgoglioso di rappresentare la Ciociaria ed il Cassinate con questa candidatura. Ci tengo a ringraziare il mio partito Possibile per l’enorme fiducia che mi ha concesso proponendomi la candidatura e tutto il gruppo civico di Primavera Sangiovannese che in maniera convita e compatta mi ha incoraggiato e mi sta sostenendo in questa avventura”

Ai punti programmatici nazionali ed europei che spaziano dalla riconversione energetica al Fisco Comune Europeo non dimenticando la difesa dei diritti Umani e una politica che punti ad un’effettiva parità di genere e diritti senza discriminazioni, Zimarri ha pensato di sviluppare 5 punti dedicati al comprensorio locale: l’Europa e i piccoli centri: tutela, valorizzazione e sviluppo; Ciclo dei Rifiuti e lotta alle ecomafie: dagli errori della politica al contrasto delle infiltrazioni mafiose; Acqua bene pubblico sempre più prezioso: dai soprusi dei gestori alle reti colabrodo; Messa in sicurezza del territorio: la grande opera di cui abbiamo bisogno; Cambiamenti Climatici ed agricoltura: rischi, difficoltà e nuove sfide.

Queste elezioni europee sono importantissime e cruciali per il nostro futuro prossimo- continua Zimarri: da una parte troviamo l’Internazionale Sovranista che punta a distruggere il concetto stesso di Europa Unita, dall’altra c’è chi con le sue politiche miopi ha distrutto il Sogno Europeo di Altiero Spinelli. Spetta a noi dunque mantenere alta la bandiera dell’Europeismo mettendo al primo posto dell’agenda politica la lotta ai cambiamenti climatici e coniugandola con politiche progressiste attente ai bisogni delle persone e non solo delle grandi multinazionali.

Abbiamo 12 anni per Salvare il Pianeta per questo non si può più tergiversare: tocca a noi, tocca a tutti noi prendere il mano il nostro destino. Lo dobbiamo ai bambini di oggi che ci chiederanno un domani “Tu cosa hai fatto per il mio futuro?”

Il mio 25 Aprile

Il mio 25 Aprile…
Nella mattinata la bella piazza di Frosinone ha accolto studenti, cittadine e cittadini, rappresentanti del mondo politico e sindacale, uniti nel gridare: Ora e Sempre Resistenza.
L’esigenza di avanzare compatti davanti al rigurgito fascista, la necessità di sconfiggere la paura e la guerra tra ultimi e penultimi.
Nel pomeriggio é stato un vero piacere essere con gli amici di Adessomaipiù.
Un fiore rosso davanti ad una discarica, un fiore rosso simbolo di speranza, fiducia, lotta e resistenza.
Un simbolo semplice ma importante: la nostra lotta é quella per un’ambiente salubre, per il diritto alla salute, per la difesa del nostro territorio.
La nostra resistenza continua e continuerà.

Una questione generazionale

Umberto Zimarri

Le questioni climatiche ed ambientali includono in maniera naturale ed implicita, tra l’altro, un tema centrale mai affrontato con determinazione e credibilità dai grandi partiti italiani: la questione generazionale.
Parlare di ambiente equivale a parlare di futuro, fare politiche ambientali significa guardare negli occhi i bambini di oggi per garantirli un avvenire all’altezza dei loro sogni.
Al di là degli slogan semplicistici della rottamazione o del tutti a casa, cosa davvero è stato fatto in Italia, concretamente, su questo argomento?
Veniamo da anni in cui alle scelte radicali si è preferito il calcolo con il bilancino elettorale, una sindrome da braccino corto che ha paralizzato l’azione e la proposta politica, in cui le liste elettorali più che di lotta all’inquinamento erano occupate da paracadutati sui territori. Insomma più che di strategie di rifiuti zero, lo sport preferito era il riciclo del candidato. Mortificando l’ambiente e i sogni di rappresentanza di un’intera generazione.
Sono nato nel dicembre del 1989 e molti dei protagonisti politici attuali, dal centro destra a quello che fu il centro sinistra, erano già presenti in Parlamento. Con quale credibilità oggi possono rappresentare quel desiderio di cambiamento che nasce dalle piazze colme di ragazze e ragazzi che chiedono semplicemente un futuro per il Pianeta?
Parallelamente come può rappresentare un’alternativa chi appena arrivato al Governo si è dimenticato della prima stella quella ambientale, sacrificandola e barattandola sull’altare del nero capitano.
Ecco perché quando diciamo tocca a noi, non stiamo pronunciando un semplice slogan ma stiamo dimostrando una vision differente, capace di essere interprete credibile e coerente di un movimento nato dal basso, capace di mettere nell’angolo la narrazione razzista e tossica di cui si è avvelenata la società.